Humanity Celebrates with Us

Personal exhibition, curated by Andrey Parshikov

Muzeon Art Park, Moscow
2/12 August 2013

Mirko Smerdel spesso utilizza immagini che si trovano in giornali o riviste, o foto casuali di vecchie cartoline . Nelle sue opere, Mirko parla di come le diverse condizioni geopolitiche influenzano la formazione della memoria umana.

Nel 2011, l’artista ha trovato una registrazione del 1987 dal più grande canale televisivo italiano Rai 1. In primo luogo, il film è stato una trasmissione in diretta della parata militare del 7 Novembre 1987 in onore del settantesimo anniversario della Grande Rivoluzione d’ ottobre, commentata da due giornalisti italiani. Poi seguono due documentari: il primo una cronaca della Rivoluzione d’Ottobre, il secondo sulla società dell’Unione Sovietica negli anni ottanta.

In quale momento della storia è stata creata questa registrazione? In Unione Sovietica, nel 1987 ha segnato l’ inizio della Perestroika e Glasnost , che fu presto seguito dal crollo del blocco orientale. Un anno dopo, l’Unione Sovietica avrebbe subito una sconfitta politica definitiva nella guerra in Afghanistan. Negli Stati Uniti, 19 Ottobre 1987 ci fu un crollo del mercato azionario, che ha provocato una crisi economica globale. Nello stesso anno, il futuro primo ministro d’Italia Silvio Berlusconi costruiva il su impero mediatico, che di fatto ha segnato la fine della democrazia.

Mirko Smerdel scruta riprese video trovate per capire, in questo momento, come la società occidentale ha formato il suo atteggiamento verso i nemici più recenti nella guerra fredda. “Humanity Celebrates with Us” è la famosa frase di Yuri Gagarin pronunciata dal ministro della Difesa Sovietico Dmitry Yazov a conclusione del suo intervento alla parata nel 1987. Non è chiaro se queste parole fossero per la vittoria della rivoluzione socialista, o l’inizio della Perestroika. Che cosa esattamente stava celebrando “l’umanità”, che al momento era piuttosto vicina ad un lutto?

Questo inserimento è stato pubblicato in exhibitions. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*
*